Mysql Proxy

Vi è mai capitato di dover configurare un’applicazione in modo che in un’archiettura mysql master/slave scriva automaticamente sul master e legga dagli slave senza modificare l’applicativo ?

Mysql-proxy è quello che fa per te !

MySQL Proxy è un programma che si interpone fra un client e un server MySQL, per consentire di effettuare operazioni sul traffico di dati, in maniera trasparente per l’utente. MySQL Proxy usa il protocollo client/server esteso di MySQL, introdotto con la versione 4.1. Pertanto, questa applicazione è compatibile con i server dalla versione 4.1 e superiore.

MySQL Proxy è un’applicazione molto leggera (200 KB in compilazione dinamica, 1.5 MB in compilazione statica con le librerie), che è stata disegnata per interporsi fra un client e un server MySQL ed eseguire operazioni sui pacchetti inviati e ricevuti.
Il programma ha poche opzioni di configurazione. La caratteristica che lo rende interessante e funzionale è un interprete Lua integrato, grazie al quale è possibile analizzare ed eventualmente modificare i pacchetti passati fra client e server.
Il client non si accorge del Proxy, che agisce da man in the middle. Il client si connette con le solite credenziali. Il Proxy intercetta la richiesta e si collega al server. Da quel momento, ogni query inviata dal client e i relativi risultati restituiti dal server passano attraverso il Proxy.

Si noti che MySQL Proxy non è un’applicazione di malware, anche se la definizione resa sopra, con la sua possibilità di intercettazione, potrebbe farlo credere. L’uso del Proxy è trasparente per il client, in materia di protocollo, ovvero il client usa il server tramite il Proxy senza avvertire differenze (tranne quando usa funzioni esplicitamente create per il Proxy). Ma il Proxy usa una porta diversa dal server, e pertanto, anche se l’uso è trasparente per l’applicazione, l’amministratore è conscio della sua esistenza. L’uso del Proxy senza consenso di una delle due parti non è possibile. Il Proxy può essere usato dall’amministratore, per ampliare le funzionalità del server, o dall’utente, per lo stesso motivo. Nel primo caso, il Proxy sarà visibile a tutti gli utenti. Nel secondo caso solo l’utente che l’ha installato nella sua macchina è al corrente delle funzioni estese.

Nella sua forma essenziale, MySQL Proxy è uno strumento di ridirezione, che passa un pacchetto di richiesta dal client al server, prende dal server i risultati, e li passa al client. Nel passaggio di dati, il Proxy può intervenire, ed effettuare operazioni sulla query prima che venga inviata, o sui risultati, prima che vengano restituiti. Le modifiche vengono effettuate tramite script in Lua, che usano funzioni predefinite per alterare lo stato dei pacchetti. Le funzioni sono le seguenti:

  • connect_server in cui si può agire al momento della connessione al server;
  • read_handshake che avviene immediatamente dopo la connessione;
  • read_auth in cui si passano al server le credenziali di accesso;
  • read_auth_result dove viene ricevuto il risultato dell’operazione precedente;
  • read_query che si attiva per ogni query inviata al server;
  • read_query_result che viene richiamata quando il Proxy riceve il risultato di una query modificata;
  • disconnect_client che si attiva quando un client viene disconnesso.

Ecco come l’ho configurato ed installato  su Ubuntu per avere uno splitting r/w :

apt-get install mysql-proxy

Mi sono crato uno script dentro /root/scritpt/proxy.sh :
#!/bin/bash

MASTERDB=server1
SLAVEDB01=server2

LUA_PATH="/usr/share/mysql-proxy/?.lua" /usr/sbin/mysql-proxy \
 --daemon \
 --proxy-backend-addresses=$MASTERDB:3306 \
 --proxy-read-only-backend-addresses=$SLAVEDB01:3306 \
 --proxy-lua-script=/usr/share/mysql-proxy/rw-splitting.lua

e gli ho assegnato i permessi di esecuzione con chmod.
Notare che lo script puo’ essere modificato per avere + slave.

 A questo punto facciamo partire automaticamente lo script creando un file in /etc/init.d/mysql-proxy :

#!/bin/bash
#
# mysql-proxy: Start mysql-proxy in daemon mode
#
# Author: OpenX
#
# chkconfig: - 99 01
# description: Start mysql-proxy in daemon mode with r/w splitting
# processname: mysql-proxy
start(){
 echo "Starting mysql-proxy..."
 /root/script/proxy.sh
}
stop(){
  echo "Stopping mysql-proxy..."
  killall mysql-proxy
}

case "$1" in
start)
start
;;
stop)
stop
;;
restart)
stop
start
;;
*)
echo "Usage: mysql-proxy {start|stop|restart}"
exit 1
esac

Occhio alle perfomance pero’ ! 
http://www.mysqlperformanceblog.com/2009/06/09/mysql-proxy-urgh-performance-and-scalability/ 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.