Perché Simone ?

Coloro che riescono meglio nella vita, spesso non sono i più capaci (a meno di avere delle doti naturali fuori dal comune, cosa che non mi ispira più di tanto) quanto piuttosto i più determinati.

E’ sopratutto la determinazione a permettere il raggiungimento di un risultato desiderato, motivo per il quale ammiro tantissimo, ancora di più chi parte da una situazione sfavorevole e raggiunge risultati inimmaginabili solo perchè ci ha creduto, ha combattuto per un sogno, non lo ha mai perso di vista anche nelle difficoltà.

Intorno al concetto di motivazione esiste molto disorientamento, sopratutto oggi. Vedo tanti ragazzi che hanno gettato la spugna ancora prima di cominciare, non vedo il fuoco nei loro occhi, non vedo il famoso occhio della tigre, credo perchè la nostra cultura ha smarrito il senso dell’impegno e delle volontà individuali, siamo portati a pensare la motivazione come qualcosa che dipende esclusivamente dalle condizioni esterne. Ci motivano sempre gli altri o le situazioni fuori da noi. Alibi.

La differenza  sta nella capacità di mantenere il “sogno” e farlo durare a lungo nonostante ostacoli, difficoltà e problemi. La capacità di perseverare, di fare durare a lungo la motivazione, viene definita RESILIENZA, ma è l’unica spinta nella quale credo per raggiungere il risultato.

La resilienza non è un dono magico o sovranaturale: è una capacità cognitiva, cioè legata al modo con cui elaboriamo le informazioni e ci rapportiamo con la realtà. Può essere allenata ed accresciuta da tutti, in qualsiasi momento della vita. Ma richiede impegno e disciplina.

Faccio analogie con lo sport perchè è forse l’unica disciplina che ti mette alla prova subito e senze troppa dolcezza, vinci o perdi.

Rocky, il mio personaggio preferito, è un uomo che ha fatto della resilenza la sua arma migliore perchè senza quella sarebbe stato un uomo normale, non era sicuramente naturalmente dotato per essere un campione di boxe.
20090901191813!Rocky1
Ci sono delle frasi, passaggi indelebili nella mia testa :
“Nessuno può colpire duro come fa la vita, perciò andando avanti non è importante come colpisci, l’importante è come sai resistere ai colpi, come incassi e se finisci al tappeto hai la forza di rialzarti. Così sei un vincente!”
Vorrei poter trasmettere questo concetto a mio figlio.
Certo Rocky è un personaggio inventato ma io ne conosco uno reale, una persona che ci è riuscito, un caro amico di infanzia, una persona con la quale ho avuto l’onore di giocare e condividere una passione da piccolo : Simone Di Tommaso
.
u16
.
Nonostante non sia alto : 1.73 ci ha sempre messo il cuore, ci ha sempre creduto e ci è riuscito, ha coronato un sogno per il quale chissà quante volte è stato preso in giro, chissà quante volte è stato osservato dalla squdra avversaria sotto rete pensando ad un muro “facile” e chissà quante volte sono stati stampati 🙂
Simone di Tommaso ha giocato in a2 ed uno dei giocatori più forti della B1 maschile.
Molto probabilmente giocherà ancora in a2.
Cosa gli ha permesso di raggiungere questo grande obiettivo ? La resilenza. La motivazione.
Io non ci ho mai creduto, ho sempre pensato che la mia altezza mi avrebbe precluso qualiasi strada pallavolistica, infatti ho fallito.
.
Rivivo in Simone il sogno che non sono mai riuscito ed un’attegiamento che ho imparato troppo tardi e che vorrei donare a mio figlio regalandogli il nome Simone !
 .
Forza Simone, non avere paura di fallire, non si può sempre vincere, ma non si deve avere paura di prendere decisioni e di tentare sempre. Devi sempre credere che qualcosa di eccezionale possa accadere se crederai sempre in te stesso.
.
Cerca di capire prima quello che io ho capito solo dopo.
.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.