Il primo passo

Il primo passo è sempre il più difficile : mi rendo conto del pericolo di tenere un diario del genere online.

Magari troverò il modo di nasconderlo meglio, non lo so. D’altronde, Luigi, chi nel 2020 cerca ancora cose nei blog, e poi un pò l’ho nascosto, ma in fondo, mi piace il brivido che qualcuno lo possa leggere.

Voglio parlare di come sono ora, di quanto stia soffrendo, ormai sono così da almeno un anno. Finalmente vedo la luce, e proprio perchè vedo la luce voglio tenere traccia dei miei pensieri.

Troverò il coraggio di parlare di cosa sto passando, delle mie nuove esperienze, delle mie nuove “vibes”, delle mie nuove consapevolezze.

Devo amarmi tanto, ed in fondo, non l’ho mai fatto.

Inizio subito con una bella tisana calda, fuori nevica., un divano scomodo m’aspetta, ma questa sera dormo a casa: voglio godermi i miei bimbi

Buona notte Luigi, ti voglio tanto tanto bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *