Salutini

Sto per andare via da voi miei piccolini e mi avete spezzato il cuoricino così tanto che ho bisogno di scrivere, la mia valvola di sfogo.
Sono questi i momenti in cui vorrei ci fosse un regista, un regista della mia vita capace d’immortalare il momento che spero rimanga sempre impresso nella mia testa

I vostri faccini pieni di lacrime che m’implorano di rimanere, i vostri abbracci, Simone, il più fisico, che con la manina cerca la mia barba, struscia la manina, ci gioca, cerca un contatto, mi bacia facendomi sentire le sue guanciotte lacrimose umide .
Mi tenete li, sul divano e non volete che mi alzi, ogni secondo un’ora.
E’ li che capisci che il tempo è relativo, il vero senso della frase “Un giorno, tre autunni”.
Sento e posso toccare l’amore vero, quello che sai è per sempre.

Come si fa a spiegare, come?

Come si fa a spiegare.

“Mi mancherai” mi hai detto Simone, con quella sua vocina meravigliosa che il tempo ti cambierà a favore di una voce sempre più matura ma sempre più lontana da me. Si cresce.

Vorrei che alcune cose rimanessero congelate nel tempo, vorrei che voi rimaneste sempre così ma non si può ed in fondo è bello così, ci godiamo un momento che rimarrà una perla nel nostro cuore e per mano continuiamo a crescere.

Ora che avete chiuso la porta e siete andati, tocca piangere a me.

Sempre insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.